Mostra "Heinrich Tessenow. Avvicinamenti e progetti iconici"

Heinrich Tessenow, Scuola statale di Klotzsche (Dresda), 1925-27
Heinrich Tessenow, Scuola statale di Klotzsche (Dresda), 1925-27
Mostra
Mostra "Heinrich Tessenow. Avvicinamenti e progetti iconici", Teatro dell'architettura Mendrisio. Photo Enrico Cano
Mostra
Mostra "Heinrich Tessenow. Avvicinamenti e progetti iconici", Teatro dell'architettura Mendrisio. Photo Enrico Cano
Mostra
Mostra "Heinrich Tessenow. Avvicinamenti e progetti iconici", Teatro dell'architettura Mendrisio. Photo Enrico Cano
0e493540ddd876c237e794335928254c.jpg
3adfe5f8fabf2a0e593817bbb1231e3d.jpg
7fd5a567f11bcaad03f93df2df2af680.jpg
d315f5a0fc2bb61bb1cd7977204a10c7.jpg
9d95f51bfc015674a5d4353489b03ddb.jpg
ed3849ab2774b72d47546c44deb306f2.jpg
ed0c3390ecddd04f46ea71d63d24b1b1.jpg
700b2811570add30a86e2ba36a9e2e3a.jpg

Teatro dell'architettura

Data d'inizio: 1 Aprile 2022

Data di fine: 17 Luglio 2022

Dal 1° aprile fino al 17 luglio 2022, il Teatro dell’architettura Mendrisio dell’Università della Svizzera italiana presenta la mostra “Heinrich Tessenow. Avvicinamenti e progetti iconici” promossa dall’Accademia di architettura dell’USI e curata dal prof. Martin Boesch.

La rassegna intende ripercorrere l’opera di Heinrich Tessenow (1876 - 1950), attraverso alcuni dei suoi edifici, i suoi progetti di architettura e di sviluppo urbano, le sue riflessioni teoriche e i suoi scritti, nel contesto del dibattito culturale e architettonico nella Germania della prima metà del secolo scorso.

La mostra presenta una serie di disegni originali provenienti da collezioni private e pubbliche oltre a numerosi modelli dei suoi progetti, tavole interpretative, rilievi di parti di alcuni edifici realizzati con la tecnica del “frottage”, campioni di materiali originali, pubblicazioni, foto e video come pure alcuni elementi di arredo progettati dallo stesso Heinrich Tessenow.

L'architetto tedesco Heinrich Tessenow (1876-1950) è sovente associato a progetti per piccole case operaie, per gli artigiani e per la piccola borghesia che, grazie alle loro forme semplici e squadrate, all’assenza di decorazioni e alle proporzioni sapientemente controllate, colpiscono per la loro forte e discreta presenza.

Ad eccezione del più noto progetto per il Festspielhaus di Hellerau del 1911, non si deve dimenticare che lo stesso Tessenow ha progettato una serie di altri edifici divenuti poi iconici, come la Scuola statale (Landesschule) a Klotzsche (Dresda) realizzata tra il 1925 e il 1927, la conversione nel 1931 della Neue Wache di K.F. Schinkel a Berlino in un memoriale per le vittime della prima guerra mondiale e l’enorme, ma allo stesso tempo sensibile, progetto per un centro di vacanze balneari sul litorale di Prora sul Mar Baltico del 1936, di cui oggi rimangono solo le immagini del progetto per la sala delle feste in foggia di un grande ipostilo aperto.

Tessenow, secondo cui la città ideale doveva contare da 20.000 a 60.000 abitanti, con i suoi progetti di scuole e di edifici amministrativi dimostrò di essere perfettamente in grado di realizzare progetti di ampio respiro urbano. Poteva controllare la grande scala così come i piccoli interventi. L'edificio scolastico realizzato a Kassel è in questo senso un ottimo esempio di progettazione urbana e insieme d’intelligenza architettonica. Negli anni '40 realizzò notevoli progetti di espansione e ricostruzione urbana.

Il ritrovamento delle rovine della Scuola statale (Landesschule) a Klotzsche (Dresda) del 1926, avvenuto alla fine degli anni '90 grazie alle ricerche del curatore della mostra Martin Boesch (1951, Zurigo), ha dato il via ad un progetto di studio sull’opera di Heinrich Tessenow: oltre alla ricerca negli archivi, sono anche state utilizzate pratiche di indagine archeologiche sul campo, con lo scopo di poter completare le conoscenze sul progetto dell’istituto anche con i materiali realmente utilizzati e dunque salvarlo dal suo completo oblio: questa ricerca ci ha restituito importanti informazioni su materialità, colori e atmosfere dell’opera dell’architetto tedesco.

Il patrimonio di conoscenze accumulate durante gli ultimi anni è presente in mostra ordinato in tre ambiti tematici o sezioni:

  • Costruire nel paesaggio
  • Progetti per la città
  • La grande casa e la piccola casa